Russia 2018: curiosità sull’evento e sul soundtrack dei Mondiali

I campionati Mondiali di calcio rappresentano un momento di grande importanza non solo dal punto di vista sportivo, ma anche da quello musicale. Dall’edizione del 1962, il torneo del mondo è caratterizzato da una colona sonora ufficiale, pensata e realizzata appositamente per l’evento.

In alcuni casi si tratta di un singolo pezzo musicale, in altri di un soundtrack composto da più brani. La cornice musicale che si viene a creare conferisce significato all’evento, permette agli artisti di avere una visibilità globale e ne aumenta la popolarità.

In più, le canzoni dei Mondiali di calcio consentono di ricordare quel particolare torneo, distinguendolo dai Mondiali passati e da quelli futuri. In un contesto come quello dei Mondiali, la colonna sonora ha il potere di alimentare l’entusiasmo del pubblico, specialmente nei momenti pre-partita, incoraggiando spettatori e giocatori. Infine, in termini pubblicitari, la canzone ufficiale dei Mondiali di calcio serve per le campagne pubblicitarie più importanti per la manifestazione.

La scelta ricade spesso su brani multilingua, ma non sempre gli artisti sono della stessa nazionalità della nazione ospitante. Altre volte, oltre al brano ufficiale, è stata commissionata la realizzazione di un inno in più versioni differenti tra loro, ma è anche possibile che vi sia un solo pezzo ufficiale.

Oltre alle versioni ufficiali, sono spesso stati prodotti brani non ufficiali sul tema dei Mondiali, probabilmente per sfruttare al massimo il potenziale di questo genere di evento.

Cosa riserva Russia 2018 in termini di brani ufficiali?

Sebbene sia ancora presto per le conferme, va detto che, in occasione dei Mondiali Russia 2018, la canzone ufficiale dell’evento potrebbe essere affidata ad un gruppo di signore ultrasessantenni provenienti dal Buranovo, un piccolo comune dell’Udmurtia. Il folkloristico gruppo, costituitosi nel 2010, si chiama Buranovskie Babushki, ovvero “nonne di Buranovo”, già famose per aver ottenuto il secondo posto all’Eurovision del 2012. Le nonnette avrebbero già presentato il singolo ideato per i Mondiali 2018 due anni fa, ottenendo grandi consensi. L’inno riservato ai Mondiali reciterebbe testualmente: “fate tanti goal, le nonnette sono con voi! Cantate insieme a noi, non statevene zitti”.

Le anziane signore non si limitano a cantare e ballare, ma dimostrano anche di avere una certa dimestichezza con il pallone e il calcio. Nel testo della canzone vengono inoltre elencate tutte le città della Russia occidentale che ospiteranno i Mondiali 2018.

La Nazione più estesa del mondo sembra più che pronta ad ospitare questi attesissimi Mondiali che inizieranno il 14 giugno 2018 e termineranno dopo poco più di un mese, il 15 luglio 2018. 32 squadre per 12 stadi situati in 11 località. Il torneo è organizzato in diverse fasi, a partire da quella a gironi, nella quale ci sarà la prima scrematura di squadre, fino alle sfide ad eliminazione diretta alle quali parteciperanno solo 16 formazioni (quarti, ottavi, semifinali, finalina e finalissima). Il Mondiale inizierà e terminerà nella cornice dello stadio Lužniki di Mosca.

I Mondiali di cacio offrono da sempre la garanzia di uno spettacolo calcistico unico del suo genere, specialmente se si considerano le abilità che i campioni mettono in mostra durante le partite.

É proprio in un momento di grande importanza sportiva come la Coppa del Mondo che l’interesse del pubblico, specialmente quello nostrano, viene catturato dal mondo delle scommesse calcistiche.

Scommettere sui Mondiali è un’attività stimolante, divertente e può diventare una fonte di guadagno. La cosa importante è scommettere in sicurezza, scegliendo siti web affidabili e seri, che facciano della tutela dei propri utenti una priorità. É il caso di SNAI, storico operatore italiano di scommesse sportive, che permette di consultare le quote di tutti gli eventi legati al torneo dell’anno. Dalle scommesse antepost alle scommesse live, passando per tutte le formule classiche da giocare in singola o multipla, non ci sono limiti sui Mondiali 2018 sul sito di SNAI. Inoltre, leggendo gli approfondimenti contenuti nella sezione wiki di SNAI dedicata ai Mondiali, si possono scoprire le favorite in lizza per la vittoria e molte altre curiosità.

Per chi decide di assistere ai Mondiali Russia 2018

Per chi ha la possibilità di recarsi in suolo russo per assistere alle partite, va detto che, per agevolare l’ingresso nel paese, il governo ha adottato una misura innovativa che prevede il rilascio del passaporto del tifoso, una carta Fan ID plastificata che contiene i dati del tifoso e che sostituisce il visto. La tessera può essere richiesta solo dopo aver acquistato un regolare biglietto di un evento del Mondiale, serve per entrare negli impianti sportivi dove vengono disputate le partite e permette di usufruire gratuitamente dei mezzi di trasporto russi che collegano le località aderenti all’evento.

Non serve richiedere una Fan ID per ogni biglietto, poiché sarà valida per tutta la durata della manifestazione e per tutte le partite; basta quindi collegare la Fan ID ad un solo biglietto.

LEAVE A REPLY